Scopri la nostra FAD!

La FAD proposta è molto distante dai tradizionali modelli tipo video conferenza.

Si tratta di progetti interattivi che mirano a stimolare l’analisi critica e cercano di sollecitare gli utenti nello scambio di esperienze.

Login

Blog

Verso le elezioni, ecco i punti del programma

Oggi più che mai serve uno slancio in grado di trasformare l'Ordine degli Ingegneri in una realtà sempre più utile ai tanti professionisti che ne fanno parte. Quello slancio si chiama INTEMA.
Gli ultimi anni sono stati scanditi da un atteggiamento remissivo e rinunciatario rispetto alle sfide lanciate al nostro settore in termini di ammodernamento, professionalizzazione e partecipazione. In questo modo ci siamo trasformati in un apparato burocratico ingombrante e lontano da una funzione primaria di supporto concreto alla nostra categoria.
 
È tempo di cambiare passo.
 
Noi di INTEMA ci candidiamo alle prossime elezioni perché vogliamo un Ordine diverso: più moderno, più inclusivo, più trasparente. Le potenzialità per realizzarlo ci sono tutte.
 
Lavoreremo per un Ordine in grado di rispondere con sempre più efficacia e puntualità alle esigenze della categoria. Un Ordine che sia sempre più degli Ingegneri, che sappia ascoltare, coinvolgere e decidere introducendo nuovi strumenti di partecipazione aperti agli iscritti. Un Ordine sempre più chiaro e cristallino, una casa di vetro per tutti gli iscritti.
 
Le prossime elezioni saranno un appuntamento cruciale per realizzare tutto questo.
 
INTEMA. Facciamo ordine.

Francesco Duilio Rossi

Scarica il flyer per leggere i punti salienti del programma

Scarica il programma completo

Le elezioni del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Il 14 novembre prossimo si terranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI). Le candidature vanno presentate esclusivamente il 24 ottobre prossimo presso la sede del CNI, in Via XX  Settembre, 5 a Roma.

Hanno facoltà di candidarsi tutti gli ingegneri iscritti presso un Ordine territoriale. La normativa che disciplina le elezioni del CNI è il DPR 169/2005 (specificatamente l’articolo 5).

Leggi tutto...

Progetto Car Sharing con Auto ad Idrogeno (Car Sharing di HY DRIVE)

Il 4 giugno u.s., nell’ambito del corso gratuito, organizzato da Intema, dal titolo “La normativa sull’efficienza energetica: le norme CEI 11339, 11352, 16900” tenuto dal prof. Ing. Ezio Santini, DIAEE Sapienza, è stato presentato il Progetto Car Sharing con Auto ad Idrogeno (Car Sharing di HY DRIVE). Il progetto, per la sua complessità e gli aspetti innovativi del contesto di riferimento e per l’interdisciplinarietà delle sue componenti tecnico-scientifiche, è stato argomento della tesi di laurea dei nostri colleghi ingegneri Riccardo Esposito, Andrea Quintarelli ed Edoardo Stigliano, ai quali vanno i più sentiti ringraziamenti.

Il Progetto è stato ispirato dall’iniziativa FCH – JU (Fuel Cells and Hydrogen – Joint Undertaken), una delle molte iniziative della Comunità Europea per favorire un uso più razionale dell’uso dell’energia e nel contempo una riduzione dell’impatto ambientale. In particolare questa iniziativa si propone di favorire e accelerare lo sviluppo e l’utilizzo delle celle a combustibile (Fuel Cells) e della tecnologia dell’impego dell’idrogeno, anche con il Partenariato Pubblico e Privato (PPP) con la Commissione Europea, l’Industria Europea e le Organizzazioni di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell’area UE.

Il Progetto, con il sottotitolo “Il nuovo car sharing della Capitale”, è stato compiutamente sviluppato nelle sue parti e articolazioni e i risultati salienti a partire dall’impostazione, dalla definizione di processo e di dettaglio delle stazioni di rifornimento e dei veicoli, dal confronto con sistemi attualmente in uso nella Capitale fino alla dimensione economica dell’iniziativa, sono contenuti nella presentazione allegata nel seguito.

Presentazione Hy-Drive.pdf

L'Ordine pubblicizza corsi esterni a pagamento!

Invece che fare sempre la formazione gratuita per gli iscritti, l’Ordine ha dato notizia agli iscritti di un corso a pagamento (12 cfp per € 240,00 e cioè € 20,00 per ogni cfp), addirittura tenuto da un referente di una serie di commissioni dell’Ordine.

Davanti a questo fatto, che ai nostri occhi appare al di fuori della realtà, avremmo una sola domanda da porre: perché l’esponente dell’Ordine non fa il corso gratis per gli iscritti nella sede dell’Ordine ma lo va a tenere a pagamento al di fuori dell’Ordine? E perché l’Ordine, invece di censurare l’operato del docente, ne dà notizia?

Leggi tutto...

Help formazione!

Hai dubbi, richieste o necessiti di qualche chiarimento sui nostri corsi e seminari?

segreteria@intema.pro

+39 3917699792 (*)

(*) numero attivo esclusivamente da Whatsapp e Telegram

Dillo a Intema

Vuoi farci sapere la tua opinioni? hai delle proposte o dei suggerimenti?

Scrivici! Le comunicazioni più interessanti saranno pubblicate sul nostro sito.